Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2010

Agora. Il film su Ipazia di Alessandria

Ipazia di Alessandria fu una filosofia neoplatonica – e quindi anche matematica, astronoma e studiosa di spiritualità –, vissuta a cavallo tra il IV e il V sec. d.C e fu l'ultima erede della prestigiosa scuola alessandrina. Ipazia era figlia del geometra Teone, osservatore degli astri e studioso di Tolomeo, che insegnava nella meravigliosa Alessandria d'Egitto, uno dei fiori più splendidi della civiltà antica, per ricchezza culturale ed economica. La città, si narra, fu fondata da Alessandro Magno durante la cavalcata che lo portò a conquistare quasi tutto il mondo conosciuto; Alessandro, secondo la leggenda, con un gesto leggero della mano, tracciò il perimetro della futura città lasciando cadere dietro di sé dei chicchi di grano, in auspicio di copiosi raccolti e di benessere. Alessandria, di fatto, fu uno dei centri più ricchi della tardo-antichità e fu rinomata per la maestosa biblioteca, che, da quanto riportano le fonti, sembra avesse catalogato tutto il sapere accumulat…

Commento al De visione Dei di Nicola Cusano, in "Rivista di Ascetica e Mistica" 1/2010

Nell'ultimo numero della prestigiosa "Rivista di Ascetica e Mistica", prodotta dai padri Domenicani del Convento di San Marco a Firenze e distribuita dall'editore Nerbini, trovate il mio primo articolo, Commento al De visione Dei di Nicola Cusano. La "Rivista di Ascetica e Mistica" è stata la prima in Italia a trattare dei temi della spiritualità; fondata nel 1929 con il titolo Vita Cristiana, è stata da sempre un faro nella ricerca della spiritualità. Il numero 1/2010, appena pubblicato, ospita contributi di spessore, firmati da Andrea Fiamma, Divo Barsotti, Lorenzo Spezia, Carlo Nardi, Maurizio Fomini, Roberta Franchi, Angela Anna Tozzi, Alberto De Luca, Massimo Bolognino, Giovanna Fozzer e Claudia Mignarri, oltre alla consuete "Letture" e "Recensioni". Ringrazio tutti coloro che da subito hanno creduto nelle mie umili righe, i gentilissimi curatori della rivista e i professori che mi aiutano in questo difficile cammino; ma soprattutto…

Bertrando Spaventa

Ieri pomeriggio sono stato alla presentazione delle Opere di Bertrando Spaventa (1817-1883), pubblicate lo scorso anno dalla Bompiani, in una pesante quanto importante edizione da circa 3000 pagine, uscita nella collana Il pensiero Occidentale, che oramai da tempo propone questi lavori di grande impegno. A relazionare sulla figura del mio corregionale Bertrando Spaventa, erano presenti Vincenzo Vitiello e il giovane curatore dell'opera, Francesco Valagussa. Volevo portare la mia piccola testimonianza della relazione di Vitiello, che ha illuminato la Sala consiliare della Provincia di Chieti con una riflessione di grande profondità teoretica sulla prima triade della hegeliana "Scienza della Logica", uno dei testi più alti della sua sterminata produzione. Seduto, ahimè, tra le ultime file, mi rammarico di essere arrivato, al solito, con qualche minuto di ritardo e non esser perciò riuscito a posizionare il registratore sulla scrivania dei relatori: dovrete accontentarvi di…

Il vero miracolo della Sacra Sindone

Questa mattina volevo brevemente commentare gli ultimi studi sulla Sacra Sindone e sul valore che possa avere agli occhi di chi, come il sottoscritto, cerca di accoglierla nonostante l'assenza di pregiudizi di carattere devozionale. Come più volte espresso in questa sede, sono convinto che tutto il mondo che ruota attorno alla fede dura e pura, come, in questo caso, le reliquie o i fenomeni miracolistici, non debbano essere mero pasto del mondo dei fedeli, ma possano essere gustate anche dal mondo laico. E non ho timore, benchè, appunto, non sia credente in Cristo, a sottolineare il gusto di affrontare queste esperienze, nelle quali la nostra parola scettica, a volte, non può che vacillare e rimanere rattrappita, persino reclinarsi. D'altronde se proverete ad attraversare alcuni vicoli della Cittadella, potrete raccogliere facilmente il mio scetticismo su questi fenomeni miracolistici, nei quali, come nei riti pagani, l'oggetto assume una vesta sacra, come se il sacrum fos…

Primo forum delle Associazioni Ortonesi

L’evento nasce in seguito alla costituzione della Rete delle Associazioni Ortonesi, composta al momento, dai rappresentanti di Villa Elce, Abruzzo in Movimento, Officina Ortona, Colonne d’Ercole, WWF Ortona, Soggiorno Proposta Onlus, Teatro del Krak e aperta alle associazioni che ne vogliano far parte o ai singoli che intendano collaborare. La Rete, aderendo ai valori tipici dell’associazionismo, si prefigge di creare una sinergia tra tutti i soggetti impegnati nella crescita culturale e sociale della città di Ortona, rapportarsi con l’Amministrazione Comunale al fine di realizzare nuove progettualità per la Città, (nonché “migliorare” quelle esistenti) e instaurare legami e rapporti tra le associazioni. Le associazioni coinvolte hanno sentito l’esigenza di incontrare tutte le realtà attive sul territorio, per presentarsi, conoscersi e porre così le basi di un percorso comune e partecipato. L’occasione dell’evento è pertanto quella di tentare un primo raccordo con l'invito a contr…

Giù le mani da Ezra Pound

Ieri mattina l'amico Nardino mi ha mostrato un articolo appena pubblicato da Il Corriere della Sera, dal titolo Giù le mani da mio padre Ezra Pound, firmato da Marzio Breda. L'articolo riporta le riflessioni di Mary de Rachewiltz in merito al tormentato rapporto del padre Ezra con l'amata Italia, dove morì nel 1972. L'occasione per il ricordo di Ezra Pound è tutt'altro che meramente storica, perchè sue le riflessioni in merito al meccanismo dell'usura e al capitalismo americano tornano prepotentemente nel 2010, quando l'America è piegata dalla crisi dei mutui e l'Europa vive un clima di recessione economica. Ezra Pound aveva smascherato i difetti di un capitalismo senz'anima, di un commercio in cui l'uomo scompare dalla scena: è un mondo in cui il parametro dimentica la Vita e la Bellezza. Mary de Rachewiltz non si stupisce per il grande "ritorno" di Pound nelle recenti discussioni salottiere in America e in Italia, come se Pound non f…