"Non smettere di scolpire la tua propria statua" (Plotino, Enneadi I 6, 9, 13)

venerdì, novembre 8

Il mutismo di Zaccaria. Commento ad una recente sentenza della Cassazione sul diritto ad essere genitori

Giotto, L'Arcangelo Gabriele
La Bibbia racconta che quando l'arcangelo Gabriele annunciò a Zaccaria ed Elisabetta la nascita del piccolo Giovanni, i due erano molto anziani e non erano mai riusciti ad avere figli. Zaccaria, che era sacerdote, ma uomo pratico, conosceva i cicli della vita delle donne e per questo non gli credette. Per la sua scarsa fede, l'arcangelo condannò Zaccaria al mutismo, che si sarebbe poi sciolto alla preannunciata nascita del figlio: colui sarà poi conosciuto in Giudea come Giovanni Il Battista. Sarei curioso di scrutare la mente dell'angelo e scoprirne la reazione alla notizia che in Italia alcuni giudici della Cassazione hanno negato a Gabriella Carsano e Luigi Deambrosis la possibilità di aver riconosciuta la propria figlia a causa della loro anzianità. Il miracolo della Vita non può essere sottoposto alle leggi dello Stato, figlie della foga prometeica di voler ingabbiare il Sacro nello schema di qualche humana lex. E molti giudici e burocrati del nostro tempo avrebbero davvero bisogno del "mutismo" di Zaccaria su ciò che la loro mente umana non può comprendere.


Nessun commento: